AGMEN FVG

.

.

PER LO STUDIO, LA CURA E L’ASSISTENZA DEI BAMBINI CON TUMORE

AGMEN, PERCHÈ?
COME AIUTARE L'ASSOCIAZIONE
COME CONTATTARE L'ASSOCIAZIONE
space

.

.

.

AGMEN FVG

NOTIZIE E COMUNICATI
space

UN PRIMO AIUTO
space

L'ASSOCIAZIONE
space

IL NOSTRO IMPEGNO
space

COME AIUTARCI

DONAZIONE DEL SANGUE CORDONALE
space

AGMEN FVG

AGMEN FVG

I NOSTRI AMICI
space

.

space

BURLO GAROFALO

space

Associazione Italiana Ematologia Oncologia Pediatrica

space

ZARJA

space

COLLONNELLI KENTUCKY

space

Federazione Italiana Associazioni Genitori Oncoematologia Pedriatica

space

AVIS

space

Associazione Donatori Midollo Osseo Regione Friuli Venezia Giulia

space

Associazione Donatrici Italiane Sangue Cordone Ombelicale

space

.
space

AGMEN FVG

ACCESSO ALL'AREA RISERVATA
web engineering by ADD TECHNOLOGIES Srl

.

.

space

PROGETTO ”SCUOLA IN OSPEDALE”

image

 

Presso l'U.O. di Emato-oncologia dell’I.R.C.S.S. Burlo Garofolo è attivo fin dal 1989 il progetto "Scuola in Ospedale". Tale progetto è stato riconfermato nel 2000 attraverso una convenzione tra il Provveditorato agli Studi di Trieste, l'I.R.C.S.S. Burlo Garofolo, il 2° Circolo Didattico di Trieste (Scuola Polo regionale per il progetto) e il Comune di Trieste.

 

In reparto operano tre insegnanti (la dr.ssa Luisa Fossi, per le elementari e le prof.sse Pilla e De Colle per le materie letterarie e scientifiche per le scuole medie e superiori) alle quali si sono recentemente aggiunti il prof. Costanzo Tortorelli per l'Educazione Musicale, il prof. Valerio Morano id Educazione Artistica e la prof.ssa Laura Pazzano di Inglese. In collaborazione con l'equipe medica, si occupano degli aspetti pedagogici, psicologici e didattici dei bambini ricoverati, attraverso un'attività educativo-didattica ; il fine di tale attività non è tanto quello di garantire un recupero scolastico, bensì di offrire ai bambini e alle loro famiglie un punto di riferimento continuo e costante che dia la loro possibilità, mediando tra realtà esterna (limitata dalla malattia) e vita in ospedale, di sopportare meglio il periodo di degenza e favorire successivamente un più facile ritorno alla vita normale. Le diverse attività che variano a seconda dell'età dei bambini e dello stato di avanzamento delle terapie, sono proposte sfruttando un approccio ludico. Il gioco infatti permette al bambino di trovare uno spazio emozionale e mentale per affrontare con minori difficoltà la nuova situazione che è costretto a vivere.

 

All'interno del progetto "Scuola in Ospedale" è inserito anche l'aspetto specifico dell'istruzione domiciliare che viene attuato dalle singole scuole di appartenenza dei bambini in collaborazione con il 2° Circolo Didattico di Trieste (anche in riferimento all'eventuale uso di pc portatili).

 

“Partiamo dalla considerazione che la scuola è uno dei momenti della vita mormale di tutti i bambini e che quindi può diventare un momento stabilizzante nella vita di un bambino che si trova a vivere una malattia grave. Forse non sempre egli riuscirà a fare quello che fanno i compagni, ma è importante che non perda il suo senso di appartenenza al gruppo-classe dove lavora, gioca e può essere creativo.”  Da un’articolo apparso sul Notiziario AGMEN nel 1987.

 

Dopo 15 anni, nel 2003, al convegno promosso dall’AGMEN  a Udine sul rapporto tra il bambino oncologico e la scuola, il dott. Jankovic, pur osservando che i nuovi protocolli non prevedono più i ricoveri lunghi per i bambini, ha ribadito che “questo servizio in Ospedale è ancora utile perché “mantiene” la fondamentale funzione di dare al bambino in terapia l’impressione di quotidianità.”


E così si attua quel concetto di “alleanza terapeutica” che è poi una delle finalità che l’Associazione si propone: “alleanza terapeutica”, quel convogliare le energie di molte diverse professionalità verso il fine comune del benessere del bambino e della sua guarigione.

STAMPA QUESTA PAGINA

space

space

.